Composizione corporea: cos’è e come ri-comporla?

La composizione corporea indica in quali percentuali sono distribuite le componenti del nostro organismo. Sono generalmente prese in considerazione massa grassa, tessuto muscolare, tessuto osseo e acqua.

Per ricomposizione corporea si intende un approccio che punta a migliorare il rapporto tra grasso corporeo e massa muscolare. In parole più semplici, si innesca un processo fisiologico che porta sì ad una perdita di peso (e quindi di massa grassa), ma al contempo riesce ad aumentare la massa muscolare, troppo spesso vittima sacrificale di regimi scriteriati.

Quindi ricomposizione corporea e perdita di peso sono la stessa cosa?

Non proprio. L’obiettivo di tutti, soprattutto di chi ha qualche chilo in più, è la perdita di grasso. La prima cosa che in genere si fa è una dieta drastica, fai-da-te o elimina-carboidrati e, se non arrivasse subito il risultato, si decide anche di allenarsi tutti i giorni fino allo sfinimento.

Il risultato? Il peso resta invariato e non c’è alcun tipo di miglioramento.

Come mai?

Il nostro organismo entra in un meccanismo di difesa, di sopravvivenza, perché non sa che noi abbiamo deciso di perdere peso e di conseguenza, a fronte di una così drastica carestia improvvisa, cerca di conservare il nostro grasso per mantenerci in vita.

Due pesi e due misure

Un altro problema, che riguarda maggiormente le donne, è la dipendenza psicologica da quel numerino sulla bilancia (il peso corporeo), che a volte resta invariato anche se seguiamo un’alimentazione corretta e un programma d’allenamento dettagliato. Tragedia!

Perché succede? La risposta è semplice, e per niente scontata: stai andando nella direzione giusta! La tua ricomposizione corporea sta facendo il suo corso.

Come è possibile? ⬇︎ Guarda qui ⬇︎

Ecco svelato il motivo per il quale il tuo peso resta invariato: il grasso, come puoi vedere dall’immagine, a parità di peso è molto più voluminoso rispetto al muscolo che, al contrario, occupa meno spazio!

Composizione corporea e approccio personalizzato

Ma… c’è sempre un ma! Esistono predisposizioni genetiche per cui questo meccanismo funziona in maniera sensibilmente diversa in differenti persone. Esistono soggetti per i quali, semplificando in maniera estrema, “tutto ciò che mangiano va a finire nei muscoli” che, di conseguenza risultano avere un aspetto molto “definito”. Dall’altra parte ci sono persone che presentano un particolare profilo ormonale, recettoriale e magari una resistenza insulinica che, nonostante mangino poco, accumulano maggiormente grasso.

Il grasso non è tutto uguale

Gli adipociti, le cellule grasse, sono appunto di diverse tipologie: abbiamo adipociti sensibili all’insulina, presenti nel grasso sottocutaneo e adipociti insulino-resistenti presenti nel grasso viscerale ed addominale. Sono questi i responsabili dei danni maggiori perché, immettendo acidi grassi nel sangue ostacolano l’azione del glucosio. Di conseguenza abbiamo un accumulo di macrofagi, che attivano uno stato di infiammazione silente che peggiora l’anabolismo muscolare.

Come si può intervenire?

L’alimentazione è un tassello importante, ma non è l’unico a contare!

Come abbiamo già visto bisogna tener presente l’influenza di vari fattori, in quanto ogni soggetto è a sé. Volendo indicare un primo step, soprattutto per persone obese, è importante partire con un marcato cambiamento della dieta e con un deficit calorico. Questo regime però non va protratto per molto tempo, altrimenti s’innesca un meccanismo inverso: non si ha abbastanza energia per dar modo al muscolo di crescere.

Naturalmente una dieta ipocalorica dovrà essere impostata da una nutrizionista o una food coach che, grazie ad una Bioimpedenziometria, valuterà la nostra composizione corporea: la percentuale di grasso che abbiamo rispetto alla massa muscolare, lo stato di infiammazione e la presenza di acqua intra ed extra cellulare.

Questo primo step darà senz’altro una risposta iniziale, soprattutto per quanto riguarda le percentuali di grasso. Nelle prime fasi, dunque, è importante focalizzarsi sulla perdita di peso e successivamente potremmo soffermarci e lavorare meglio sulla ricomposizione corporea.

L’alimentazione in questo caso sarà fondamentale nella prima fase, ma da sola non basterà a risolvere la situazione. il tassello mancante per modificare il nostro corpo, quello più importante, sarà l’allenamento!

L’allenamento per modificare la composizione corporea

Quest’ultimo potrà modificare la nostra composizione corporea. Bisogna allenarsi con maggiore intensità, con maggior volume, e con più frequenza. Questo fa sì che il nosro partizionamento calorico si diriga verso la massa muscolare e non tenda più ad accumularsi nella massa grassa.

In Fit Lab non seguiamo i nostri clienti ma ACCOMPAGNIAMO ognuno di loro, costruiamo insieme un percorso che abbraccia lo stile di vita, l’alimentazione, l’allenamento. Possiamo così arrivare al vostro (e nostro!) obiettivo con consapevolezza.

Come abbiamo già specificato prima, ogni persona è un soggetto a sé e non tutti riescono a raggiungere subito il risultato. Questa non è una colpa o un demerito, ma la naturale conseguenza del fatto che tutte le persone sono diverse.

Noi monitoriamo i loro progressi e, in base a questi, apportiamo modifiche ai loro piani di allenamento. Nella prima fase, quella in cui bisogna ottenere un calo del peso corporeo, ci preoccuperemo di promuovere il movimento nelle sue varie forme. Successivamente, dopo aver raggiunto il nostro primo obiettivo, pianificheremo un allenamento specifico personalizzando i carichi e puntando così a modificare positivamente la composizione del nostro organismo.

composizione corporea allenamento

I NOSTRI CONSIGLI:

  • Affidati a dei professionisti soprattutto se soffri di disturbi del comportamento alimentare;
  • Non demoralizzarti se non ottieni risultati immediati, ma sii paziente e costante;
  • Allenati con la giusta frequenza e con programmi specifici;
  • Se sei donna allenati con carichi medio alti, senza aver alcun timore di diventare “grossa”
  • Mangia sano e non soffermarti solo su proteine o carboidrati, abbi cura di avere un corretto apporto di tutti i macronutrienti nella tua dieta;

“Abbi buona cura del tuo corpo, è l’unico posto in cui devi vivere.”

Articolo a cura di

Doriana Ruggiero, redazione Fit lab

Ricerca fonti a cura di Nicola Vandini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *