fbpx Skip to main content
0

La gestione del giovane atleta

Quando parliamo del giovane atleta convogliamo una fascia d’età particolare e sensibile caratterizzata dal cambiamento psicofisico, la cosiddetta fase di turgor (ingrossamento) e proceritas (allungamento).

La gestione del giovane atleta: le fasi della crescita.

Le fasi della crescita sono così definite:

  • Turgor I (2-4 anni): ingrossamento somatico;
  • Proceritas I (5-7 anni): allungamento staturale;
  • Turgor II (8-11 anni): aumento ponderale (periodo d’oro della motricità);
  • Proceritas II (12-15 anni o comunque fino all’età prepuberale): notevole incremento staturale (crisi puberale pre-adolescenza);
  • Turgor III (15-18 anni  fino all’età postpuberale): recupero ponderale.

 

“I periodi di “proceritas” si presentano come periodi problematici, poiché l’innalzamento della statura dà luogo ad uno squilibrio tra l’altezza ed il peso del corpo. La struttura ossea, che diventa più lunga e più pesante, non viene adeguatamente supportata dall’apparato muscolare e cardiocircolatorio. Di conseguenza si presentano ipotonia muscolare e tono posturale scarso. Il cuore, non essendosi accresciuto di pari passo alla statura, non riesce a far fronte all’aumentato fabbisogno di ossigeno così come la maggiore struttura corporea richiederebbe. Solo grazie all’attività fisica il bambino potrà ottenere uno schema aggiornato e preciso delle dimensioni del proprio corpo e a far fronte alla perdita della coordinazione motoria che caratterizza questo periodo.

Nei periodi di “turgor” si riscontra invece un nuovo equilibrio tra peso e statura, con un recupero ponderale e funzionale degli apparati muscolare, respiratorio e cardiocircolatorio, e quindi viene   favorito l’apprendimento e l’arricchimento degli schemi motori dell’individuo.” (dott. Zauli Giuliano)

La gestione del giovane atleta: quale attività fisica?

Visto che parliamo di giovani atleti di sicuro l’attività fisica viene svolta, come indicato dalla citazione precedente, ma a quale tipo di attività si faceva riferimento?

Un giovane atleta che pratica sport di squadra, o individuali, sarà sicuramente più avvantaggiato di un suo coetaneo inattivo. Ma allo stesso tempo è da monitorare costantemente per quelle che sono le condizioni psicofisiche che vive. Essere dei giovani atleti comporta la gestione di fatiche mentali e fisiche non indifferenti e non sempre si è capaci di gestirle, vista la giovane età, né di essere supportati adeguatamente.

La gestione del giovane atleta: il lavoro in Fit Lab

Il lavoro che Fit Lab svolge da anni con atleti, in particolare con i giovani calciatori e le giovani calciatrici, è quella di fornire un adeguato supporto e sostegno alla loro corporeità; personalità e provare, ove possibile, a gestire il filtro tra l’atleta – la famiglia – il ragazzo/a.

Di seguito è riportato il modello di gestione del ragazzo/a dal momento in cui entra a far parte della famiglia Fit Lab.

Premessa: “varcare la porta di Fit Lab è semplice ma ritrovarsi all’interno del nostro meccanismo non è da tutti”. (cit. Luigi Toscano)

1° STEP

  • VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE
  • VALUTAZIONE POSTURO-FUNZIONALE
  • ANALISI DELLE NECESSITA’ STRUTTURALI
  • COORDINAMENTO E CONDIVISIONE DEL PERCORSO

 

2°STEP

 

  • TEST ANTROPOMETRICI
  • TEST DI FORZA
  • TEST DI EFFICIENZA CARDIOVASCOLARE
  • TEST DI MOBILITA’

 

3° STEP

  • IMPARARE A CONOCERSI E COMPRENDERSI
  • LAVORARE SODO
  • AFFIDARSI AL NOSTRO TEAM

A questo punto a seconda del tempo a disposizione, delle frequenza delle sedute, dei dati rilasciati dalla valutazione e al periodo competitivo che affronta l’atleta, pianificheremo il percorso ottimale per supportare lo sviluppo delle capacità/abilità.

Imprescindibilmente bisognerà iniziare con un approccio rivolto all’apparato tonico-posturale che risente, come detto all’inizio, di squilibri funzionali alla crescita.

Successivamente ci sarà la parte di condizionamento fisico: la nostra esperienza, in particolar modo coi giovani calciatori, ci porta ad affermare che un lavoro individualizzato sulle componenti fondamentali della preparazione fisica (forza, resistenza, velocità) deve essere affrontato. I lavori fatti sul campo sono standardizzati ad un gruppo di persone differenti tra loro, in Fit Lab ogni atleta è una risorsa da attenzionare con cura e meticolosità.

La gestione del giovane atleta: quindi?

Quindi se sei un/una giovane atleta scopri il nostro mondo cliccando sul sito nella sezione dedicata all’ambito performance. Oppure se sei un/una giovane calciatore o una giovane calciatrice, alla ricerca di un stage estivo, abbiamo quello che fa al caso tuo 

 

Articolo a cura di

Luigi Toscano

 

 

Leave a Reply